home CONSIGLI Dip: meglio liquidi oppure in polvere?

Dip: meglio liquidi oppure in polvere?

Accurate valutazioni sull’uso in pesca dei dip per il carp fishing

Sono un amante dei dip, ma se mi chiedete quali preferisco, dico “dipende”. Se dovessi scegliere, direi comunque quelli in polvere, perché più versatili. Ma anche quelli liquidi hanno un loro perché. Partiamo da questi ultimi: non ha senso per me pucciare l’esca qualche secondo prima del lancio in un dip perché non serve assolutamente a niente. Tra attrito dell’aria in volo e dell’acqua nell’atterraggio, l’esca perde tutto l’aroma che gli abbiamo aggiunto. Un dip liquido ha senso invece se inserito nelle boilie da pastura gradualmente e in piccole dosi, “direttamente nel sacchetto”, in modo da far assorbire alle palline la fragranza e quindi a potenziarle come vogliamo. Per l’utilizzo immediato, assolutamente meglio i dip in polvere, per intenderci quelli che si applicano all’esca dopo averla bagnata. Questi infatti presentano diversi vantaggi.

I vantaggi dei dip in polvere per la pesca delle carpe

Primo, sono più tenaci sull’esca, dal momento che si “incollano” alla pallina e resistono di più sia in aria sia in affondamento. Secondo, durano di più, perché in acqua si sciolgono molto più lentamente e veicolano più a lungo il messaggio attrattivo. Terzo, le particelle di polvere che si staccano dalla pallina minuto dopo minuti cadono sul fondo e, con lo spostamento d’acqua, allargano la zona attrattiva prima di qualche centimetro, poi di metri. Se per noi un granello di attrattore è niente, per la carpa potrebbe essere un bel segnale che gli dice “ehi, qui c’è cibo!”. Al contrario, preparare le esche da pastura con i dip in polvere può risultare pericoloso perché, proprio grazie alla loro tenacia, rischiamo di avere esche troppo “cariche”, che invece di attrarre il pesce gli provocano repulsione, allontanandolo. E’ importante bilanciare l’utilizzo di entrambi i tipi di dip, capendone l’impiego, pregi e difetti. Miscelandoli, se necessario: parliamo di tutte le volte in cui facciamo strategie di pesca con innesco singolo senza pasturazione, ovvero quelle volte in cui un’esca molto carica di attrattori fa davvero la differenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *